Edizione 2017
venerdì 31 marzo 2017
Domenica in gara 750 atleti di 18 nazioni

Sono grandi numeri quelli che l’Adamello Ski Raid, competizione internazionale di sci alpinismo inserita nei circuiti «La Grande Course» e Coppa delle Dolomiti, proporrà all’alba  di domenica 2 aprile, quando oltre 750 concorrenti animeranno con le loro gesta tecniche uno dei massicci, con relativo ghiacciaio, simbolo delle Alpi per la sua storia e per le sue caratteristiche tecniche e morfologiche.
In gara dunque skialper di ben 18 nazioni, con la novità di un paio di team cinesi, che affronteranno nella formula di gara a squadre di due componenti un percorso di ben 48 km di sviluppo e 4000 metri di dislivello positivo. Fra questi non poteva mancare la coppia che si impose nell’ultima edizione del 2015, visto che questa competizione ha cadenza biennale, ovvero i due alpini del Centro sportivo Esercito Damiano Lenzi e Matteo Eydallin che partono con i favori del pronostico solo per il fatto di aver dimostrato un importante affiatamento nell’ultima partecipazione con un tempo di 4 ore e 41 minuti. Tenteranno di dar loro filo da torcere i più giovani compagni che formano una coppia inedita, ovvero Michele Boscacci e Nadir Maguet, ma soprattutto le squadre straniere. A partire dal team svizzero composto da Werner Marti e Martin Anthamatten, dai team Austria con Jakob Hermann - Filippo Barazzuol e Marc Hochstaffl e Johannes Walder, da quello spagnolo con Oriol Cardona e Marc Pinsach Rubirola e da quello francese con Leo Rochaix ed Emilien Bochet. Da tenere d’occhio anche le coppie William Boffelli e Pietro Lanfranchi, Filippo Beccari e il norvegese Erik Skjervheim, Francois Cazzanelli e Stefano Stradelli, Tadei Pivk e Franco Collè.
In campo femminile la coppia da battere è quella formata dalla francese Laetitia Roux e dalla spagnola Claudia Galicia Cotrina, ma per il gradino più alto del podio sono in lizza anche il team franco svizzero Jennifer Fiechter e Axelle Mollaret, ed ancora le quotate spagnola Marta Riba e Nahia Quincoces. Il team di punta per l’Italia sarà formato da Katia Tomatis ed Alba De Silvestro, mentre le due atlete di casa Corinna Ghirardi e Bianca Balzarini sfrutteranno sicuramente nel modo migliore la conoscenza del tracciato di gara.
Come nelle precedenti edizioni anche quest’anno il montepremi per la squadra vincitrice della gara maschile e quella femminile, sarà di uguale importo, così come per gli altri gradini del podio: 3000 euro ai primi classificati, 2000 ai secondi, 1500 ai terzi.

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,441 sec.